Il ritratto di un ricercatore PROSNOW: Hugues François

pubblicato in: Non categorizzato | 0

1) Ciao Hugues, ci puoi raccontare qualcosa di te?

 

I miei primi lavori incentrati sulle aree montuose non si rivolgevano specificamente ai problemi dei comprensori sciistici, ma erano più focalizzati su questioni relative allo sviluppo di aree remote. Quando è venuto per me il momento di completare la tesi di dottorato, mi sono concentrato sullo studio delle strategie di adattamento delle stazioni sciistiche di media montagna attraverso la diversificazione dei prodotti e dei servizi turistici. Dopo questo primo lavoro, ho progettato il French BD Stations; un database sulle stazioni sciistiche che è stato il primo passo per avviare la ricerca collaborativa con il Centro di ricerca sulla neve (CEN), che ci ha permesso di unire la nostra conoscenza delle stazioni sciistiche da una parte e della fisica della neve dall’altra.

2) Qual’è il tuo compito all’interno del progetto PROSNOW?

 

Il mio background scientifico originale si basa principalmente sulle scienze sociali  e sulle governance e gestione delle stazioni sciistiche dal punto di vista della pianificazione territoriale. La nascita del database di Stations mi ha spinto a scoprire il (meraviglioso) mondo di SQL e i suoi limiti mi hanno portato ad esplorare altre lingue per soddisfare le mie aspirazioni. Allo stesso tempo, ho allargato il mio campo di attività scientifica e ho iniziato le mie prime ricerche sulla modellazione dell’affidabilità della neve nelle aree sciistiche. Ora, con PROSNOW, ho cercato di creare un collegamento tra questi diversi approcci. In qualità di leader del WP2, sono responsabile per il lato scienze sociali del progetto. Allo stesso tempo lavoro ancora nel WP1 in collaborazione con il CEN per l’interpolazione spaziale dell’output di modellizzazione del tempo e della neve e, infine, nel WP3 contribuisco direttamente alla progettazione del server di dati centrale.

 

3) Quali sono le tue aspettative su PROSNOW?

 

PROSNOW è un modo per trasmettere la nostra attività di ricerca alle persone responsabili dei resort sciistici. Occasionalmente passiamo un po’ di tempo a comunicare con altri scienziati o a contribuire al dibattito pubblico, ma PROSNOW va oltre. Il modo migliore per la scienza di recapitare messaggi è quello di fornire strumenti utili allo svolgimento delle attività quotidiane dei tecnici. È il primo passo per trasmettere altre idee, mostrare loro diversi modi di raffigurare la realtà e quindi sensibilizzare gli utenti su altre questioni: oggi miriamo a estendere le previsioni a una scala stagionale. Spero che questo ci porti, un po ‘alla volta, a discutere della fine del secolo!

I commenti sono chiusi.